SALUTO AL SOLE

Il saluto al sole, o Surya Namaskara, è una sequenza composta da 12 asana (posizioni dello yoga) che si susseguono ciclicamente al ritmo del respiro.

É una pratica che generalmente si utilizza all’inizio della lezione di yoga per preparare il corpo alle asana successive.

 

Infatti i benefici del saluto al sole sono:

  • scaldare muscoli e articolazioni
  • tonificare i muscoli
  • aumentare la resistenza fisica, essendo un esercizio aerobico
  • aumentare la flessibilità 

In realtà è una pratica che spesso viene utilizzata anche da sola.

Io stessa, quando non ho sufficiente tempo per praticare una sessione di yoga completa, mi appello alla completezza del saluto al sole per prepararmi ad affrontare al meglio la mia giornata.

 

Se è una delle prime volte che ti affacci al saluto al sole, ti consiglio di cominciare ad imparare gli allineamenti di ogni asana che lo compongono senza pensare al ritmo del respiro.

Solo dopo che, il tuo corpo e la tua mente avranno memorizzato la sequenza e gli allineamenti, introduci allora il ritmo del respiro.

 

Gli allineamenti sono molto importanti perchè aiutano ad evitare di farci male. Inoltre con un buon allineamento il saluto al sole risulterà più semplice da fare e molto più fluido nel ritmo.

 

Qui sotto trovi i disegni dei principali allineamenti che potrai però approfondire guardando il video che ti ho preparato.

 

 

Oltre agli allineamenti un’altra componente fondamentale del saluto al sole è il ritmo.

 

Il ritmo delle asana, che si susseguono una dopo l’altra, nasce dal ritmo del tuo respiro che non deve mai diventare affannoso.

 

Essendo il respiro di ognuno di noi unico e irripetibile, anche il ritmo del saluto al sole cambierà da persona a persona, da giornata a giornata.

Ovviamente all’inizio è normale seguire il ritmo di un’insegnante ma via via, diventando sempre più autonomi, è importante seguire il ritmo del proprio respiro.

 

In questa immagine potrai meglio focalizzare come il respiro si lega ad ogni posizione in un flusso continuo. 

 

 

Non lasciare che il ritmo delle tue posizioni determinino il ritmo del tuo respiro ma fai si che ogni cambio di posizione nasca dal ritmo del tuo respiro.

É il respiro a dettare il ritmo del susseguirsi delle posizioni.

 

Se il tuo respiro, facendo il saluto al sole, diventa affannoso concludi un ciclo e poi fermati in Tadasana, sull’apice del tuo tappetino, fino a che il respiro ed il ritmo del tuo cuore tornino spontanei, regolari e rilassati. Anche in questa pausa ricordati di focalizzare la mente sul respiro e non perderti nei tuoi pensieri.

 

 

Cosa vuol dire concludere un ciclo di saluto al sole?

Se hai già guardato il video qui sopra lo hai già scoperto e ora ti renderai conto che è decisamente più facile a farsi che a dirsi.

In caso contrario te lo spiego volentieri a parole ma ti consiglio di guardare l’inizio del video qui sopra così da comprendere meglio questo concetto.

 

Un ciclo di saluto al sole è composto da 12 asana ripetute due volte: la prima volta sarà il piede destro a muoversi per primo, la seconda volta invece sarà il piede sinistro ad essere il primo a fare i movimenti.

 

In questo modo con un ciclo di saluto al sole avremo la parte destra del corpo in equilibrio con la sinistra.

Lo so, a parole è complicato da capire, ma come ti dicevo se dai un occhio alla prima parte del video qui sopra sono sicura che capirai meglio.

 

Una volta che ti trovi confortevole negli allineamenti e nel ritmo del respiro ti consiglio di portare la tua attenzione al piacere, al calore e alla forza che questi movimenti creano nel tuo corpo, così che il saluto al sole diventi un’esperienza totale.

 

Se ti fa piacere praticare assieme a me qualche ciclo di saluto al sole puoi farlo schiacciano play qui sotto!